giorno
Indietro indietro

venerato il 4 Settembre

 

Santa Rosalia

Vergine, eremita di Palermo


Santa Rosalia - Vergine, eremita di Palermo Rosalia (sec. XII) è la patrona di Palermo, chiamata affettuosamente dai palermitani "Santuzza". Piuttosto incerta è la storia della sua vita a causa delle poche notizie che ci sono pervenute. Nacque in una nobile famiglia vicino Palermo. Destinata al matrimonio con un nobile locale, scappò di casa per andare a condurre vita eremitica in una grotta nei pressi di Santo Stefano Quisquina. Dopo aver vissuto in questa grotta, per un breve periodo di tempo si trasferì in un'altra grotta alle pendici del monte Pellegrino, dove condusse una vita di penitenza e dove morì. Prima di morire, un monaco, misteriosamente avvertito, salì fin lassù a recarle il conforto dell'estremo viatico. Il suo corpo fu ricoperto dai depositi calcarei delle stalagmiti della grotta e rinvenuto solo verso il 1623, quando la Santa apparve a una donna indicandole dove si trovavano i suoi resti mortali. La devozione alla Santa crebbe fortemente a seguito di questa scoperta e del miracoloso intervento, attribuitole dai palermitani, in occasione di una terrìbile peste che colpì Palermo in quegli anni.
Copyright © 2022 "SantoDiOggi.it"